fbpx
Vai su
24 February, 2020, 08:20

Yannik Sinner e Head: binomio vincente alla Next Gen

Quello visto alle Next Gen Atp Finals di Milano è sicuramente l’inizio della storia di un fantastico campione del futuro. Si, perché Yannik Sinner, a soli 18 anni e partecipando con una wild card, è stato protagonista di una settimana da urlo culminata con la schiacciante vittoria in finale contro Alex De Minaur, già sconfitto in finale lo scorso da Stefanos Tsitsipas (fresco vincitore delle ATP Finals).
Sull’analisi del match potete trovare tutto qui: https://www.tennisworlditalia.com/tennis/news/Atp_Tennis/66410/next-gen-finals-sinner-stratosferico-domina-de-minaur-e-vince-il-titolo/
Ma noi amanti dei particolari, vogliamo darvi qui una panoramica sull’attrezzo usato da Yannik.

HEAD GRAPHENE 360 SPEED

Probabilmente il fatto che il suo idolo, Novak Djokovic, utilizzi lo stesso attrezzo non è un caso.
Graphene 360 è la nuova tecnologia adoperata da Head sulle proprie racchette, per creare, a parità di peso, un incremento sensibile di stabilità, potenza e reattività, attraverso il posizionamento strategico del Graphene, derivato leggerissimo della grafite, ai lati del piatto corde, sulla testa e a metà degli steli.

I colori primari sono il nero e il bianco che si dividono lo spazio della racchetta con l’analogo design degli altri modelli Head, che per differenziarsi usano altri abbinamenti cromatici.

Ha un telaio solido che permette a giocatori di livello avanzato di esprimere uno stile di tennis moderno. A parte piccoli novità, molte delle caratteristiche del modello precedente sono fedelmente conservate: il controllo è eccellente e resta la sua primaria prerogativa, sulla potenza sicuramente c’era il margine di manovra. Nella nuova Speed riscontriamo una migliore sensazione di comfort, in generale è sicuramente più generosa del precedente modello, ma la palla per uscire veloce necessita di un braccio allenato e capace.
Il pattern del piatto corde 18×20 è sinonimo di controllo, anche se questo modello ha lo spazio tra le corde orizzontali aumentato per dare più spin e spinta alla palla.
È  un attrezzo un pochino più pesante (310gr) di altri simili, resta comunque estremamente maneggevole e assolutamente non ingombrante nella conduzione dei colpi, nei movimenti veloci e nella scherma a rete.
La racchetta è caratterizzata da un importante peso di torsione dovuto ad una particolare distribuzione di peso sulla testa della racchetta, questa caratteristica offre ottime sensazioni specialmente in risposta e nei colpi da fondo campo.
Buone sensazioni anche al servizio. Per essere pignoli sarebbe bello se fosse un po’ più stabile di quanto non lo sia.

Crediamo che, con un pizzico di potenza in più in alcune situazioni, potrebbe essere un attrezzo ancora più performante e preferibile. Il vero passo in avanti rispetto al precedente modello è stato fatto nella maneggevolezza, con un “comfort” di gran lunga migliorato rispetto al modello antecedente.
Insomma una racchetta adatta per chi cerca comfort e sensibilità, che ama il colpo pulito e poco arrotato, ma che sa essere concreta ed estremamente efficace in un gioco di ritmo dal fondo. Per chi ha voglia di spingere, ma senza farsi molto aiutare…

Caratteristiche Tecniche

Ovale: 100 in²
Lunghezza:
68.5 cm
Peso:
310 g
Bilanciamento:
315 mm
Profilo:
23 mm
Schema corde:
18 x 20
Rigidità:
64 RA

Controllo

Potenza

Leggerezza

Maneggevolezza

Stabilità

Head Graphene 360 Speed Pro

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *