fbpx
Vai su
29 September, 2020, 14:13
Wilson Ultra 100

Wilson Ultra 100 v3.0 – La recensione

RACCHETTA WILSON ULTRA V3.0

Aspettavamo impazienti da tempo di provare la nuova Wilson Ultra 100 V3.0. Come suggerisce il nome siamo arrivati alla terza edizione di quella che è una racchetta famosa per la sua grande giocabilità.
Tra i professionisti molti i nomi importanti che la utilizzano, tra loro Feliciano Lopez, Borna Coric, Victoria Azarenka, Kristina Mladenovic e Maria Sakkari.
È un attrezzo che spesso viene indicato come ideale per giocatori principianti e intermedi. Questo sicuramente perché è una racchetta che fa tutto bene e che quindi risulta facile da giocare per chiunque.

Ma passiamo a vedere meglio quelle che sono le novità di Wilson Ultra 100. Il termine che meglio sintetizza questo attrezzo è stabilità. Il marchio statunitense ha completamente ridisegnato la struttura del telaio imperniandolo su questa caratteristica primaria.
La tecnologia PowerProfile è l’elemento chiave di questa nuova racchetta e consiste nella combinazione della tecnologia Perimeter Weighting System e Sweet Spot Channel che estende le corde orizzontali a ore 3 e 9 per gradi di potenza aggiuntivi, aumentando allo stesso tempo la robustezza del telaio. Insomma l’intento è quello di migliorare l’impatto anche nei colpi decentrati, dare maggiore stabilità al contatto e diffondere la potenza su una più ampia area di corde. Anche la gola del telaio è stata rivisitata ed ha una forma a V che aiuta anch’essa a offrire maggiore stabilità e a ridurre la torsione del telaio durante l’impatto.

Veniamo ora a quella che è una mancata novità. La linea Ultra nel suo aggiornamento non ha adottato la tecnologia Feel Flex, che è invece stata introdotta negli aggiornamenti delle linee Clash e Blade. Va da sé che questo attrezzo risulta sicuramente più rigido degli ultimi due citati, anche se vedrete che non è un elemento che si fa davvero sentire in campo.

Passiamo ora all’estetica. Anche qui ci sono delle novità. La precedente linea Ultra era caratterizzata dal blu e dall’azzurro. In questa nuova versione Wilson continua con il nuovo stile tricolore e si passa quindi a nero, azzurro e argento. Come potete vedere nelle immagini il nero contraddistingue il cuore del telaio e sugli steli compaiono le scritte Wilson e Ultra 3.0 in un azzurro acceso. La fascia centrale della racchetta è argentata, mentre la parte superiore è azzurra. Vera novità è la vernice lucida e non satinata. Rimane una racchetta sicuramente anche bella da vedere!

Ma veniamo ora a quello che più ci interessa, il responso del campo.

Iniziamo dai colpi dalla linea di fondo. Lo slogan con cui Wilson ha riempito le campagne di comunicazione per lanciare la nuova Ultra 100 è stato “People to the Power”. Beh non ci hanno mentito! La racchetta è davvero potente. In una racchetta che è sicuramente molto ben bilanciata ed equilibrata, le caratteristiche di spicco sono potenza e stabilità. I colpi escono veloci, facili, potenti. Tutta questa potenza a volte avrebbe bisogno di maggiore controllo, fattore che non è così immediato. Sicuramente il profilo largo del telaio e la rigidità (72 RA) favoriscono questa sua grande potenza.
Come detto, la sua grande peculiarità è la stabilità, soprattutto se si considera la sua classe di peso (300gr). Se siete abituati a giocare con la Ultra e la trovate giocabile, questo aggiornamento ha innestato una marcia superiore in questo senso.
Nonostante il pattern di corde 16×19 che favorisce lo spin, questa racchetta si comporta di gran lunga meglio sui colpi piatti. Le rotazioni ci sono e sono accessibili senz’altro, ma non danno gli stessi risultati dei colpi piatti.
Il feeling è ottimo anche senza l’utilizzo della tecnologia Feel Flex. È una racchetta che ha un impatto morbido con la pallina, sicuramente non è una Blade, ma rispetto alla Ultra Countervail è decisamente ancor più pastosa e piacevole nel feeling.

Passiamo ora al gioco a rete. Il suo peso relativamente ridotto ci ha fatto inizialmente temere, invece è stata una gran bella sorpresa. La sua grande stabilità riesce a farsi apprezzare anche in questa zona del campo. Non si scompone dinnanzi ai colpi più forti, anche quando hai di fronte un bombardiere. In aggiunta è piuttosto leggera e maneggevole, quindi la puoi facilmente posizionare nel modo migliore. Quando unisci stabilità, feeling e maneggevolezza a rete, hai in mano una gran bella racchetta. È adatta per questo motivo agli amanti del doppio.

Arriviamo ora al servizio. Grande potenza e quindi grandi servizi. Già qui ci è piaciuta un po’ meno, non è molto precisa, in effetti questa potenza non sempre è facile gestirla, specie in questo fondamentale. Anche qui ci ripetiamo, il servizio di piattone è decisamente la soluzione migliore. Il kick esce bene, mentre con lo slice ci sentiamo di dire che è meno efficace.
In risposta ovviamente con questa grande stabilità è una racchetta ottima pur con i suoi 300 gr. Ma questa sappiamo essere ormai un dato, i produttori hanno trovato soluzioni tecniche che consentono, già da questo peso, di compensare e restituire attrezzi stabili, potenti ed efficaci.

In definitiva una racchetta all round che non ha punti deboli se non quelli innati di un attrezzo che per vocazione è universale giocabile per tutti con i necessari adattamenti e limiti. Ricorda molto l’ultima Yonex Ezone 100 o la Babolat Pure Drive. Grande potenza generata con grande facilità, grande stabilità, grande maneggevolezza. Per i giocatori di livello più avanzato che vogliono specializzare la loro racchetta in un fondamentale, consigliamo personalizzazioni con incordature e tensioni ad hoc ed eventuali bilanciature.

Alla prossima! 😉

165,00 €

anziché 220,00 €

Su Tennis World | Active Shop puoi trovare anche le recensioni della gamma Wilson Blade:

Caratteristiche Tecniche

Ovale: 100 in²
Lunghezza:
68.5 cm
Peso:
300 g
Bilanciamento:
320 mm
Profilo:
22 – 26 – 24 mm 
Schema corde:
16 x 19
Rigidità: 72 RA

Controllo

Potenza

Leggerezza

Maneggevolezza

Stabilità

Infografica_Wilson Ultra 100

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *