fbpx
Vai su
4 August, 2020, 19:07
Nike Vapor Cage 4

Le nuove Nike Air Zoom Vapor Cage 4 di Rafa Nadal

Nike afferma la sua leadership nel tennis e la coltiva direttamente dai campi di gioco del circuito pro. Basti pensare che agli ultimi Australian Open erano ben 62 i giocatori calzati Nike, una quota ragguardevole pari a circa il 25% dei partecipanti.
Proprio in Australia, l’avrete sicuramente notato, ha fatto il suo debutto la nuova linea Nike Air Zoom Vapor Cage 4. Annunciata a metà dicembre è frutto dell’unione dei due modelli best seller di Nike: la linea Cage e la linea Vapor.
Quelle per intenderci portate al successo planetario grazie alle gesta dei due super ambassador e miti contemporanei del nostro sport: Roger Federer (Vapor) e Rafa Nadal (Cage)
Ma andiamo a vedere in dettaglio tutte le caratteristiche di questa nuova scarpa:

Appena indossate notiamo subito una prima grande differenza con il modello Cage 3. Se quest’ultima era una scarpa per piedi affusolati, quindi un po’ stretta, e corta, in particolare nell’avampiede, questo non sembra per le Cage 4.
Nulla di sconvolgente sia chiaro, non è diventata una scarpa eccessivamente spaziosa, anzi risulta sempre molto avvolgente sul piede, ma decisamente più comoda e già a sensazione dotata della stabilità che una scarpa da tennis dovrebbe avere.

La nuova Cage 4 contiene non a caso anche il nickname Vapor: questa è la promessa esplicita della sua mission, non certo una crisi di identità. La linea strategica del brand a stelle e strisce è molto chiara e va nella direzione di un continuo miglioramento della sua produzione. Uno sviluppo che fa della contaminazione tra generi, tipi di sport, linee e modelli, la sua cifra distintiva, il suo marketing. Una chiave di successo che coniuga da sempre innovazione, design, ricerca della performance sportiva e trend emergenti.

Infografica

Ecco la sfida di Nike Air Zoom Vapor Cage 4, combinare la leggerezza e l’agilità del modello Vapor con la resistenza e la stabilità del modello Cage. Il risultato è una scarpa veloce, dinamica e super resistente. Un nuovo bechmark per il mercato.

La suola appare subito molto alta e nella parte dell’avampiede sale fino ad avvolgere la punta. Anche sulla parte laterale interna osserviamo questa peculiarità della suola.
Soluzioni chiaramente adottate da Nike per migliorare la resistenza della scarpa laddove c’è maggiore usura, nella parte anteriore dello scafo, in modo da permettere alla scarpa di scivolare sul campo resistendo all’abrasione.
Altro aspetto innovativo rispetto alle Cage 3, sempre con l’obiettivo di migliorarne durata e resistenza all’usura, è l’utilizzo del materiale Kurim che in questo nuovo modello viene inserito selettivamente in punti mirati della scarpa, quelli dove serve.
La linguetta della scarpa è stata costruita a “manica parziale” e questo potrebbe richiedere un periodo di adattamento, tuttavia siamo convinti che vi darà una sensazione di ulteriore supporto e compattezza della calzatura.

La scarpa sembra essere molto carrozzata e pronunciata  sulla parte esterna e questa, dopo averla provata, non è solo una sensazione. Nike ha infatti deciso di progettarla proprio così, per offrire massima stabilità al piede, specie nei movimenti laterali e nei cambi di direzione dove offre generosa la sua reattività e una riserva di energia apprezzabile per le ripartenze immediate.
Quest’ultima sua caratteristica le dona davvero un quid in più, non solo rispetto alla Cage 3, ma a anche nei confronti di molte altre scarpe presenti sul mercato.

Ovviamente non può mancare un’unità Air Zoom, ma anche una importante novità: nella Cage 4 viene localizzata estensivamente anche sotto l’avampiede.
Una soluzione che conferisce al piede un maggior comfort e un’ammortizzazione diffusa della scarpa che aggiunge elasticità e contribuisce alla sensazione di esplosività di questa scarpa.

Per concludere torniamo alla suola, e al Vapor-factor che contraddistingue e rende unica questa scarpa. È stato studiato un nuovo design che fonde gomma e plastica e propone una maggiore quantità di gomma resistente laddove è necessario, mentre livelli di gomma più sottili nelle aree a bassa usura. Questo aspetto risulta molto importante, in quanto aiuta ad avere una scarpa che combina leggerezza e velocità senza togliere a durata e resistenza.

Insomma, con la sua Air Zoom Vapor Cage 4 Nike ha fatto un importante passo avanti nella definizione dei parametri della scarpa ideale per il tennista più esigente. Lo ha fatto certamente prendendo spunto dalle doti delle sue gemme, le sue linee di punta  Vapor e Cage, e guardando anche al segmento top di mercato.
Dalla sintesi nasce una scarpa quasi perfetta, perché la perfezione per definizione non esiste.
Il look un po’ stravagante e particolare è forse è l’unico punto che lascia margini alla soggettività, ma si sa anche quanto Nike sia lungimirante sull’estetica e da sempre in grado di precorrere i tempi.
Su questo aspetto lasciamole del tempo, godiamoci la sua sostanza che come si dice è davvero “tanta roba”.
Complimenti a Nike, per noi questa è davvero una grande scarpa!

Qui vi consigliamo quello che per noi è il modello più sobrio ed elegante della gamma (le indossa Kyle Edmund, fresco vincitore dell’Open di New York), nonché accompagnato da un’ottima offerta!

CLICCA QUI PER LA RECENSIONE DELLE SCARPE NIKE CHALLENGE 20 CREATE IN OMAGGIO AD ANDRE AGASSI

Scarpe Nike Air Zoom Vapor Cage 4

– Peso 404g.
– Tomaia: una mezza calza è integrata all’interno della scarpa per stabilizzare al massimo il vostro piede
– Suola esterna realizzata per proteggere la suola intermedia e donare un’ottima durabilità soprattutto durante le scivolate
– Zoom Air : sistema di ammortizzazione posizionato anche sotto l’avampiede per garantire il ritorno di energia e ripartenze più rapide
– Aggiunta di Kurim© sull’interno per aumentare la resistenza all’abrasione
– Suola interna rimovibile
– Colore mostrato in foto: Bianco/Gridiron/Wheat/Laser Crimson

  • Genere: Uomo
  • Sconto del 20%
  • Indicata per i campi in terra battuta

120,00 €

anziché 150,00 €

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *